Il pomodoro di San Marzano dell'agro sarnese-nocerino (DOP) è una varietà di pomodoro riconosciuta come prodotto ortofrutticolo italiano a Denominazione di origine protetta. Il nome proviene dalla città di San Marzano sul Sarno, dove ha visto la nascita. Ha una forma allungata, ed è particolarmente adatto per gli usi dell'industria di trasformazione agroalimentare, nell'ambito della quale viene usato per preparare pelati e conserve alimentari. Nello specifico, è considerato da molti chef come uno dei migliori pomodori per realizzare il concentrato di pomodoro. La denominazione di origine protetta (DOP) "Pomodoro San Marzano dell'agro sarnese-nocerino" è riservata al pomodoro che risponde alle condizioni ed ai requisiti stabiliti dalle norme della Disciplinare di produzione e trasformazione della Denominazione di Origine Protetta "Pomodoro San Marzano dell'agro sarnese-nocerino". La denominazione d'origine protetta (DOP) "Pomodoro San Marzano dell'agro sarnese-nocerino," senza altra qualificazione, è riservata al pomodoro pelato ottenuto da piante dell'ecotipo San Marzano. Possono concorrere alla produzione di questo pomodoro, linee ottenute a seguito di miglioramento genetico dell'ecotipo San Marzano sempre che, sia il miglioramento che la coltivazione, avvengano nell'ambito del territorio così come delimitato nell'articolo 3 e presentino caratteristiche conformi allo standard descritto nell'articolo 5 dello stesso documento disciplinare. L'articolo 3 della disciplinare indica che il pomodoro ottenuto dall'ecotipo San Marzano o da linee migliorate, per avvalersi della denominazione di origine protetta (DOP) "Pomodoro San Marzano dell'agro sarnese-nocerino" deve essere prodotto da aziende agricole e trasformato da aziende industriali entrambe ricadenti nelle aree territoriali così delimitate: L'area è compresa nella zona settentrionale della provincia di Salerno, con propaggini nelle Vesuviano e Avellinese. Tutti i comuni sono inclusi nell'Agro Nocerino Sarnese e zone viciniori e sono interessati, per la parte di pianura e come utilizzazione, alla zona seminativa irrigua o irrigabile. La parte collinare o a basso rilievo è naturalmente esclusa, non essendo irrigua. Il pomodoro San Marzano è prodotto nella parte dell'Agro Nocerino Sarnese che si estende nella pianura del Sarno che è ricoperta per la maggior parte da materiale piroclastico di origine vulcanica. I terreni dell'Agro Nocerino Sarnese si presentano molto profondi, soffici, con buona dotazione di sostanza organica ed un'elevata quantità di fosforo assimilabile e di potassio scambiabile. L'idrologia del territorio è molto ricca per la presenza di numerose sorgenti e di abbondanti falde a diversa profondità. L'acqua per uso irriguo, in genere viene derivata da pozzi che si alimentano direttamente dalla falda freatica. Circa il clima, l'Agro Nocerino Sarnese risente della benefica influenza del mare. Le escursioni termiche non sono notevoli e qualora il termometro scende al disotto dello zero, non vi permane a lungo; la grandine è piuttosto rara. I venti dominanti sono il Maestro del nord e lo Scirocco del sud. Le piogge sono abbondanti in autunno, inverno e primavera; scarse o quasi nulle nell'estate. Sebbene le piogge difettino nei mesi estivi, l'umidità relativa dell'aria si mantiene piuttosto alta il trapianto, di norma, si esegue nella prima quindicina del mese di aprile, però può protrarsi fino alla prima decade di maggio. Secondo la normativa, la raccolta dei frutti dev'essere eseguita esclusivamente a mano, in maniera scalare, quando essi raggiungono la completa maturazione, ed avviene in più riprese. I frutti raccolti devono essere sistemati e trasportati in contenitori di plastica, la cui capienza è di circa kg 25. Per il trasporto all'industria di trasformazione, le bacche arrivate al centro di raccolta aziendale e/o collettivo possono successivamente essere trasferite in cassoni, singolarmente identificati, che non superino 2,5 quintali.

 

The San Marzano tomatoes Agro Sarnese-Nocerino (PDO) is a variety of tomato recognized as a fruit or vegetable in Italian Protected Designation of Origin. The name comes from the city of San Marzano sul Sarno, where he witnessed the birth. It has an elongated shape, and is particularly suitable for the uses of food processing industry, in which is used for preparing peeled and canned food. Specifically, it is considered by many chefs as one of the best tomatoes to make tomato paste. The protected designation of origin (PDO) "San Marzano Tomato Agro Sarnese-Nocerino" is reserved for tomatoes which satisfies the conditions and requirements established by the rules of production regulations and transformation of the protected designation of origin 'Pomodoro San Marzano dell' sarnese nocerino ". The protected designation of origin (PDO) "San Marzano Tomato Agro Sarnese-Nocerino," without further qualification, is reserved to the peeled tomatoes obtained from the San Marzano ecotype plants. Can be used to produce this tomato lines obtained as a result of breeding ecotype San Marzano always that both the improvement and cultivation, carried out as part of the territory as defined in Article 3 and have distinctive characteristics that conform to the standards described Article 5 of the same specification document. Article 3 of the specification indicates that the tomato got dall'ecotipo San Marzano or improved lines, to make use of the protected designation of origin (PDO) "San Marzano Tomato Agro Sarnese-Nocerino" must be produced by farms and transformed by industrial companies both falling in the territorial areas so defined: the area lies in the northern part of the province of Salerno, with offshoots in Vesuvius and Avellinese. All municipalities are included in the Agro Sarnese Nocerino and neighboring areas and are interested, for the flat and as utilization, the sowing area irrigated or irrigable. The hilly part or in low relief is naturally excluded, not being irrigated. The San Marzano tomato is produced in the Agro Sarnese Nocerino which extends in the plain of Sarno which is covered mostly by pyroclastic material of volcanic origin. The lands of the Agro Sarnese Nocerino occur very deep, soft, with good organic content and high amount of available phosphorus and exchangeable potassium. The hydrology of the territory is very rich for the presence of numerous springs and abundant in different depth strata. The water for irrigation purposes, typically is derived from wells that are fed directly from the water table. About the climate, the Agro Sarnese Nocerino is affected by the beneficent influence of the sea. The fluctuations are not significant, and if the temperature drops below zero, there remains a long time; hail is rare. The prevailing winds are north of the Master and the Sirocco from the south. Rainfall is plentiful in the fall, winter and spring; little or almost nil in the summer. Although difettino rains in the summer months, the relative humidity is fairly high transplantation keeps, as a rule, you run in the first fortnight of April, but can last up to the first decade of May. According to the legislation, harvesting the fruit must be performed exclusively by hand, in a climb, when they reach full maturity, and takes place in several stages. Fruits harvested must be placed and transported in plastic containers, whose capacity is about 25 kg for transport to the processing industry, the berries come to the company and / or collective collection center may subsequently be transferred into bins, individually identified, which do not exceed 2.5 tons.

            

JSN Epic template designed by JoomlaShine.com

Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Le info sulla tua navigazione sono condivise con queste terze parti. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie. Leggi di più